Piazzano 50 trappole illegali, pescatori dilettanti stanati e multati a Cagliari dalla guardia costiera

I controlli nella zona di Sant’Elia, notati segnali da pesca e decine di nasse senza i contrassegni obbligatori. Tutti i pesci sono stati rigettato, fortunatamente ancora vivi, in mare


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Una motovedetta della Capitaneria di porto della guardia costiera di Cagliari, impegnata in attività di pattugliamento nel golfo, ha individuato alcuni segnali da pesca non rispondenti alla normativa in materia di pesca professionale e di sicurezza della navigazione marittima. L’equipaggio ha così salpato a bordo una rete da posta di tipo tremaglio e, successivamente, ha recuperato circa 50 nasse, tutta attrezzatura da considerarsi irregolare in quanto priva dei contrassegni obbligatori per la pesca professionale e dotata di segnalamenti non conformi a quanto disposto dalla normativa in materia. L’attrezzatura così recuperata è stata posta sotto sequestro mentre il prodotto ittico catturato è stato rigettato in mare in quanto ancora vivente.
L’impiego di reti da posta è consentito ai soli pescatori professionali ed il loro impiego da parte di pescatori dilettanti, oltre a costituire un illecito amministrativo, determina un grave pericolo per la navigazione sanzionato penalmente.


In questo articolo: