“Piazza Garibaldi così è una kasbah. Clienti abituati a venire in auto, forse trasferisco il negozio”

Zero parcheggi nelle vicinanze e perdita d’identità del luogo. Critica feroce, sulla nuova piazza Garibaldi, quella che arriva dallo storico ottico Andrea Almerighi. “Non c’è più la vera anima, quella commerciale. È un luogo per karaoke e saltimbanco”

“Una volta ultimata, dopo un ritardo di oltre un anno, sarà sicuramente bellissima. Ma è diventata una kasbah, tra gente che passeggia e compra solo cibo, sembra che a Cagliari si spenda solo per mangiare. I clienti erano abitati a venire in automobile, adesso vanno nei centri commerciali. Siamo isolati”. È decisamente tagliente il giudizio di Andrea Almerighi, da quasi mezzo secolo alla guida dell’Ottica Gasperini.
 “Non ci sono più parcheggi, neanche temporanei. La piazza non è più commerciale, la sera si trasforma in un parcheggio per bambini e filippini che fanno il karaoke. Sto pensando seriamente di chiudere l’attività, che è storica, e trasferirmi da un’altra parte”.


In questo articolo: