Periferia di Monserrato trasformata in discarica abusiva, dieci persone identificate: “Ora bonificate entro una settimana”

Hanno trasformato la periferia di Monserrato in una discarica abusiva: dieci persone sono state identificate e hanno una settimana di tempo per bonificare l’area. L’intero sito versa infatti “in condizioni di precarietà ambientale – si legge nell’ordinanza firmata oggi dal sindaco Tomaso Locci – sicuramente non procrastinabile nel tempo, rappresentando rischio di inquinamento per suolo, sottosuolo, acque superficiali, sotterranee e aria”

Hanno trasformato la periferia di Monserrato in una discarica abusiva: dieci persone sono state identificate e hanno una settimana di tempo per bonificare l’area. In corrispondenza degli spazi pubblici antistanti il campo nomadi situato nel Piazzale della Pace/via dell’Aeronautica sono stati accumulati in modo incontrollato rifiuti indifferenziati pericolosi e non pericolosi, quali cellophan, televisori, plastica, legno, materiali ferrosi, secco, umido, una culla, un passeggino per bambino e altri rifiuti. Non solo: dalle verifiche effettuate qualche giorno fa dalla polizia locale con  sistema di videosorveglianza, si è potuti risalire al tragitto preciso che i trasgressori hanno effettuato prima di scaricare i rifiuti. Ieri si è svolto anche un sopralluogo da parte dei Responsabili della Vigilanza Ambientale (ufficio Vigilanza Ambientale polizia Locale e UTC Settore Ambiente Arredo Urbano ed Ecologia), del referente della Campidano Ambiente, il personale e l’Assessore di riferimento del Servizio Sociale e l’assessore del Settore Ambiente Arredo Urbano, durante il quale è emersa una situazione  “di degrado nel campo nomadi”.  L’intero sito versa infatti “in condizioni di precarietà ambientale – si legge nell’ordinanza firmata oggi dal sindaco Tomaso Locci – sicuramente non procrastinabile nel tempo, rappresentando rischio di inquinamento per suolo, sottosuolo, acque superficiali, sotterranee e aria”.
I responsabili ora dovranno ripristinare l’area come era in origine differenziando i rifiuti, i quali verranno, prima di essere ritirati, controllati dagli addetti per verificare che la raccolta differenziata sia stata eseguita correttamente. Le spese saranno anticipate dal Comune che verranno poi recuperate.

In questo articolo: