Per il Pd weekend all’arma bianca per il verdetto sulla Barracciu

Oggi a Tramatza Soru riunisce i suoi fedelissimi ma apre a diversi contributi di idee e proposte dall’interno del partito, subito dopo tocca a Deriu a Nuoro. Vertice del centrodestra a Villa Devoto, domani direzione dei democratici a Oristano


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Sarà un weekend all’arma bianca e nessun colpo sarà risparmiato. Dopo, forse, il Pd capirà cosa fare: deciderà cioè se tenere Francesca Barracciu candidata alla presidenza per la coalizione oppure impallinarla, metterla da parte e chiudere così questa telenovela politica che sta logorando partito e intero centrosinistra. Un antipasto della direzione da brivido convocata per domattina a Oristano si avrà già questa mattina, da quel di Tramatza dove Renato Soru – che ha sostenuto la candidatura della Barracciu mettendo però il veto assoluto sull’alleanza col Psd’Az – riunirà i suoi fedelissimi ma anche tutti coloro che all’interno del partito ritengano di avere qualcosa da dire su candidato presidente e prossime mosse elettorali.

Nel pomeriggio toccherà a Roberto Deriu, deciso a far emergere da Nuoro le varie e vere anime del partito nella prima Era Renzi: in serata, il presidente della Provincia emetterà il verdetto sulla candidata indagata per peculato per l’utilizzo dei fondi destinati ai gruppi. Qualcosa bolle in pentola anche sull’altro versante: il centrodestra col presidente Cappellacci, che ha ricevuto l’endorsment persino del possibile rivale ex sindaco di Cagliari Emilio Floris, si vedrà dalle 16 a Villa Devoto: placati gli animi dell’Udc, restano ora da convincere i Riformatori che si sono impuntati sulla questione morale.

 

 


In questo articolo: