Per Gimbe il lockdown è dietro l’angolo: il nuovo dpcm rischia di non bastare

L’allarme della Fondazione guidata da Nino Cartabellotta: “Dati Covid in aumento su tutti i fronti”

“La settimana che va dal 7 al 13 ottobre ha documentato numeri in aumento su tutti i fronti. Con una simile impennata della curva di contagi, ricoveri ospedalieri e terapie intensive, le misure del nuovo dpcm sono insufficienti a contenere il virus in alcune aree del Paese”. A lanciare l’allarme è la Fondazione Gimbe che rivolge “un appello alla collaborazione tra presidenti di regioni e sindaci dei comuni”, suggerendo una possibile ricetta per affrontare l’attuale emergenza: “Intervenire tempestivamente con misure restrittive locali, compresi lockdown mirati, per circoscrivere i focolai, arginare il contagio diffuso, non perdere il controllo della curva epidemica e prevenire il sovraccarico degli ospedali, anticamera di lockdown più estesi”.  Continua a leggere su Agi.it


In questo articolo: