Pediatri in pensione a Capoterra, è allarme tra i genitori

Allarme tra i genitori che rischiano di rimanere senza un medico di riferimento nel territorio per i propri figli.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Pediatri in pensione, allarme tra i genitori che rischiano di rimanere senza un medico di riferimento nel territorio per i propri figli. Il sindaco Garau chiede ausilio al direttore generale della Asl di Cagliari per trovare “al più presto una soluzione”. Una problematica che, oramai, è comune a tanti territori: la mancanza di medici e pediatri non consente di sostituire i professionisti che, giunti a fine carriera, lasciano vuoto l’ambulatorio dove hanno prestato servizio per anni. Anche a Capoterra si profila questo scenario. Due i dottori che da marzo e dal prossimo giugno non saranno più operativi: “Un grave disagio, tale situazione sta divenendo oggettivamente critica; si sta prospettando, infatti, per molte famiglie, la forzata esigenza di dover emigrare presso altri comuni per la scelta del pediatra, o di dover ricorrere a pediatri in regime privatistico, con conseguente pregiudizio economico” ha spiegato il primo cittadino Beniamino Garau. “La salute psicofisica dei nostri figli va seguita da pediatri di base presenti nel territorio e non ricorrere a medici di altri comuni, tra l’altro a regime privato”. Si combatte per la salvaguardia del diritto all’assistenza pediatrica di base, “prestazione inclusa nei livelli essenziali di assistenza e garantiti dal nostro Servizio Sanitario Nazionale”. Si richiede, quindi, “un intervento risolutivo urgente”.