Pazienti maltrattati nella Rsa di Quartu, a processo anche una delle suore del centro

In sei alla sbarra per insulti e, in qualche caso, anche percosse sugli anziani ospitati nella struttura. Tra gli imputati c’è anche una religiosa

Non ci sono solo operatori e dipendenti tra le sei persone che, a fine gennaio, dovranno difendersi dalle accuse di maltrattamenti nei confronti di un gruppo di anziani della Rsa delle suore di Flumini di Quartu, la monsignor Angioni. Tra chi è stato rinviato a giudizio spicca anche una religiosa: è suor Maria Teresa Pinna, tra le responsabili del centro di via Serra Pedrosa. La suora, come riporta L’Unione Sarda nell’articolo di Francesco Pinna, è difesa dall’avvocatessa Mariangela Carta. Gli altri cinque rinviati a giudizio, ognuno difeso da un legale diverso, sono Mirko Biolchini, Anna Luisa Galisai, Luca e Michele Camboni e Simone Pinna.
Tutti e sei compariranno davanti alla giudice Alessandra Tedde e dovranno difendersi dalle accuse di maltrattamenti nei confronti di un gruppo di ospiti della struttura, tra i quali anche malati di Alzheimer. Maltrattamenti che, stando a un esposto anonimo e a dichiarazioni rilasciate da una operatrice della Rsa a una inviata di Barbara D’Urso nel 2013, risalirebbero a un periodo compreso tra il 2009 e il 2016.


In questo articolo: