Pannelli fotovoltaici installati per aziende agricole “fantasma”, evasione fiscale milionaria nel Cagliaritano

Hanno ricevuto una vagonata di soldi pubblici per realizzare serre alimentate da impianti fotovoltaici. Invece, due società agricole, hanno solo venduto l’energia “green” prodotta: la scoperta della Guardia di Finanza. Tutti i dettagli

Hanno evaso il Fisco per quattordici milioni di euro. Come? Dopo aver ricevuto dei finanziamenti pubblici per realizzare delle serre alimentate con pannelli fotovoltaici, due società agricole cagliaritane hanno, invece, guadagnato solamente dalla produzione di energia elettrica, rivendendola e applicando, in modo irregolare, il regime di tassazione previsto per chi fa attività agricola. In altre parole, i terreni non sono mai stati utilizzati per l’agricoltura, come spiegano, contattati dalla nostra redazione, dalla Guardia di Finanza di Cagliari. Sono stati gli uomini del nucleo di polizia economico-finanziaria a fare le verifiche fiscali grazie alle quali è stato possibile certificare la truffa. Tale attività ispettiva rappresenta una delle prime applicazioni in Sardegna della disciplina dell’indeducibilità dei “costi da reato”. In seguito alle indagini, le Fiamme Gialle hanno voluto approfondire la posizione fiscale delle due società, ricostruendo la vera situazione economica dei due privati.

Così, è emerso che anche nel 2017, pur avendo guadagnato, le due società hanno continuato a presentare la dichiarazione dei redditi fruendo, irregolarmente, delle agevolazioni fiscali previste per il settore agricolo. Dal 2013 al 2017 sono stati nascosti al Fisco oltre 14 milioni di euro, sei dei quali legati a costi che, essendo frutto di truffa, non sono stati detratti. I finanzieri hanno anche scoperto che sono stati “nascosti” 7,8 milioni di Irap e 63428 euro tra ritenute previdenziali e violazioni formali nella tenuta della contabilità aziendale. Tutto, ora, è al vaglio dell’Agenzia delle Entrate.