Ortacesus piange Daniele Mascia, l’operaio 27enne morto nella Renault volata fuori strada

Il giovane, originario di Guasila e impiegato in una ditta di infissi lascia la mamma, Oss, il papà, bidello, e un fratello che lavora a Cagliari come personal trainer. La sua Renault Megane si è ribaltata, non lasciandogli scampo

È un giovane operaio di una ditta di infissi, originario di Guasila ma residente a Ortacesus, la vittima dell’ennesimo incidente avvenuto sulle strade sarde. Daniele Mascia, 27 anni, era un giovane molto conosciuto nel paese nel quale viveva da tantissimi anni, Ortacesus. Lascia la mamma, Oss, il papà, bidello, e un fratello che lavora in una palestra di Cagliari come personal trainer. Non si sa con certezza se Mascia stesse andando al lavoro o, semplicemente, tornando a casa dopo aver trascorso qualche ora con gli amici e la fidanzata. Il punto dove è avvenuto lo schianto, il chilometro uno della Provinciale 35, è il collegamento principale tra il paese e Selegas. I carabinieri della stazione di Suelli, intervenuti insieme a due ambulanze del 118 poco dopo le 6:30 del mattino, dovranno ricostruire le esatte cause dello schianto mortale. La dinamica è già molto chiara.
La Renault Megane ha perso aderenza con la strada e si è subito ribaltata: Mascia è morto praticamente sul colpo, stando a una primissima ricostruzione dopo essere stato catapultato fuori dall’abitacolo.
I soccorsi sono stati inutili, le due equipe di medici, una delle quali in azione con un’ambulanza medicalizzata della Mike, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del giovane operaio


In questo articolo: