Obitorio del Ss Trinità, Tocco: “Le camere mortuarie sono un insulto ai defunti, si intervenga subito”

Fuori dall’obitorio si attende sotto la pioggia. Dentro le sale mortuarie la situazione è ancora peggiore. Un pianto. Sono le condizioni della struttura che ospita le salme nel piano terra dell’ospedale Santissima Trinità di Cagliari. La denuncia arriva dal consigliere regionale Edoardo Tocco

Fuori dall’obitorio si attende sotto la pioggia. Dentro le sale mortuarie la situazione è ancora peggiore. Un pianto. Sono le condizioni della struttura che ospita le salme nel piano terra dell’ospedale Santissima Trinità di Cagliari. La denuncia arriva dal consigliere regionale Edoardo Tocco (FI), che ha presentato un’interrogazione urgente all’assessore della sanità e all’Ats: <<Occorre intervenire per mettere in sicurezza il complesso. La camera mortuaria del presidio, che si affaccia sulla via Is Mirrionis, è un insulto ai defunti accolti nel complesso e al dolore dei vivi>>.

Un complesso ormai inadeguato: <<Non solo il caseggiato avrebbe necessità di un intervento per la messa in sicurezza – conclude Tocco – ma sarebbe prioritario assicurare l’ampliamento della camera mortuaria, visto che in pochi metri quadrati sono ammucchiati diversi feretri senza nessun impianto che assicuri un minimo di riservatezza e con un inevitabile intromissione tra i parenti dei diversi defunti. Nessuna sala d’attesa all’interno della struttura. All’esterno, un cortile del tutto insufficiente per i visitatori. Si auspica quindi un provvedimento urgente teso a garantire le opere necessarie per l’adeguamento dell’obitorio>>.