Nuova 554 chiusa: “Servono soluzioni alternative per l’estate”

E’ questa la proposta emersa stamattina nella riunione richiesta dal presidente della Consulta della sicurezza stradale, Mauro Contini, e dai sindaci dei Comuni della Consulta per affrontare l’emergenza congestione della SP17 a seguito dei crolli sulla 554

Una soluzione provvisoria che preveda, per il solo periodo estivo, la riapertura sulla nuova 554 di un’unica carreggiata a due corsie. E’ questa la proposta emersa stamattina nella riunione richiesta dal presidente della Consulta della sicurezza stradale, Mauro Contini, e dai sindaci dei Comuni della Consulta per affrontare l’emergenza congestione della SP17 a seguito dei crolli sulla 554. Riuniti attorno al tavolo del Prefetto di Cagliari, il capo di gabinetto dell’assessorato regionale ai Lavori pubblici, i rappresentanti dell’assessorato ai Trasporti della Provincia, Questura, Anas, vigili del fuoco, 118. Comune di Cagliari e alcuni sindaci rappresentanti dell’Unione dei Comuni del Sarrabus.

Il progetto sottoposto dall’Anas propone il ripristino della 554 su un tracciato provvisorio di un’unica carreggiata con due corsie. L’apertura sarà limitata al solo periodo estivo, dopodiché la strada sarà nuovamente chiusa per consentire l’esecuzione dei lavori definitivi di ripristino delle quattro corsie. Questa soluzione temporanea dovrebbe consentire di affrontare i maggiori flussi di traffico attesi nei prossimi mesi. Sta ora ai comuni interessati decidere se accettare o meno questa proposta: gli orientamenti emersi stamane appaiono comunque favorevoli. La carreggiata a due corsie potrà potrà poi essere a doppio senso o a senso unico: anche in questo caso, saranno i comuni a dover dire quale sia l’opzione ritenuta migliore. In contemporanea, sarà comunque possibile utilizzare i tracciati della vecchia 125 e della SP17.

L’Anas ha anche assunto l’impegno di eseguire interventi, sempre d’intesa con gli enti locali, per la messa in sicurezza di tracciati di sua competenza (come la vecchia 125) o laddove richiesto dalle amministrazioni locali, in modo da garantire itinerari alternativi e praticabili sia per il normale traffico che per i mezzi di emergenza. Parallelamente, a condizione di ottenere la parte della regione la necessaria deroga ai limiti di spesa del Patto di Stabilità, la Provincia assicura l’avvio di interventi di messa in sicurezza della vecchia SP17, così da adeguarla all’accresciuto carico veicolare.

«La chiusura della 554 ha causato gravi disagi al nostro territorio, che assieme a quello degli altri comuni della Consulta per la sicurezza stradale è il più direttamente colpito» osserva il sindaco di Quartu Mauro Contini. «Già dal prossimo fine settimana sono prevedibili gravi disagi anche per i residenti che devono servirsi della SP17» prosegue Contini. «Ciò che chiediamo è che non si perda tempo e si definiscano al più presto queste soluzioni alternative, così da arrivare al periodo estivo con una scelta condivisa e i lavori già ultimati. Al riguardo si dovrà anche fare un’opportuna comunicazione preventiva per gli utenti già a partire dal prossimo fine settimana».

 


In questo articolo: