Nuoro, 6 persone sanzionate per assenza di mascherina e distanziamento

Nuoro, controlli nelle strade e nelle piazze frequentate soprattutto da giovani

Nella giornata di ieri venerdì 13 novembre sono stati disposti dal Questore di Nuoro, Massimo Alberto Colucci, una serie di mirati controlli coordinati interforze,  sia nel centro cittadino che in alcuni comuni della provincia, volti al rispetto della normativa emanata per fronteggiare e contenere l’emergenza sanitaria da Covid-19, in linea con gli indirizzi delineati in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto di Nuoro, Dr. Luca Rotondi.

L’articolato dispositivo di controllo del territorio, composto da diversi  equipaggi della Polizia di Stato e della Polizia Stradale, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza,  ha effettuato capillari controlli nelle piazze e nelle strade di questo capoluogo, maggiormente frequentate soprattutto da giovani. L’azione di controllo ha consentito di rilevare diverse violazioni alle norme di contenimento del fenomeno pandemico in atto, per cui sono state erogate 16 sanzioni ai sensi del D.p.c.m. del 03 novembre 2020.

In particolare, sono state irrogate 6 sanzioni che hanno riguardato il mancato utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie (uso della mascherina), il mancato distanziamento interpersonale di almeno 1 metro e la consumazione di bevande alcoliche sulla pubblica piazza oltre le ore 18:00.

Altre 6 sanzioni sono state contestate a persone trovate oltre le ore 22:00 sulla pubblica via, senza un giustificato motivo; inoltre nella circostanza veniva denunciata una persona per guida in stato di ebbrezza con ritiro della patente di guida ed affidamento del mezzo al deposito giudiziario.

Nel corso del servizio,  sono stati effettuati numerosi posti di controllo in vari punti della città e in provincia durante i quali sono state identificate 231 persone, e controllati 118 automezzi.

Sono stati anche controllati 12 esercizi pubblici, con comminazione di  4 sanzioni per inosservanza  delle prescrizioni in materia di prevenzione della diffusione del Covid 19.

Si ricorda che l’attuale D.p.c.m. consente gli spostamenti dalle ore 22:00 alle ore 05:00 del giorno successivo esclusivamente se motivati  da  comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Rimane in ogni caso  fortemente  raccomandato,  per  la  restante parte della giornata,  di  non  spostarsi,  con  mezzi  di  trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di  salute,  per  situazioni  di  necessità.


In questo articolo: