Nubifragi e danni, agricoltori del Medio Campidano in rivolta

Incontro a Samassi tra le amministrazioni comunali, gli agricoltori e i rappresentati di categoria. La conta dei danni è ancora in atto, ma si preannuncia molto pesante per le aziende agricole

Agricoltori del Medio Campidano in rivolta. In seguito ai frequenti nubifragi che da agosto imperversano sul territorio sardo che ha causato conseguenze gravissime per tutte le culture prodotte nella zona, si è tenuto un incontro a Samassi tra le amministrazioni comunali, gli agricoltori e i rappresentati di categoria. La conta dei danni è ancora in atto, ma si preannuncia molto pesante per le aziende agricole che, a oggi, non hanno ancora avuto una risposta da parte della Regione. Questo è stato uno dei temi affrontati e ribattuti a gran voce sia dagli imprenditori che dagli amministratori. Il sindaco di Samassi, Enrico Pusceddu, riassume così i punti salienti dell’incontro: “Dal punto di vista operativo ci si è accordati su questo percorso: il ristretto gruppo degli agricoltori promotori dell’iniziativa, in collaborazione con l’Assessore all’Agricoltura di Samassi, stilerà una bozza di documento contenente i punti prioritari da discutere con la Regione Sardegna. Nei prossimi giorni la bozza verrà inviata agli agricoltori, ai Comuni e alle Associazioni di categoria affinché possano condividerla, integrarla o raccogliere suggerimenti. A seguire si convocherà un incontro ristretto tra i rappresentanti dei Comuni coinvolti nell’iniziativa per definire e chiudere nel dettaglio il documento. Agricoltori, Amministratori e Associazioni di categoria incontreranno i più alti rappresentanti della Regione Sardegna in un’assemblea pubblica convocata per discutere i punti del documento predisposto dagli agricoltori.
Le date verranno comunicate nei prossimi giorni”.

 

Intanto la Giunta Pigliaru, nella seduta odierna, ha dato via libera al programma di spesa per le calamità naturali.

“I cittadini che hanno subito danni dal 2014 al 2018 e i Comuni che hanno sostenuto spese in emergenza durante gli eventi calamitosi del 2018 e del 2017 potranno ricevere subito oltre 3,2 milioni di euro mentre un altro milione sarà erogato nei primi mesi del 2019”, dice l’assessore all’Ambiente con delega alla Protezione civile Donatella Spano, che sottolinea l’importanza della tempistica di consegna delle istanze: “Occorre adesso grande rapidità nelle procedure per poter ricevere gli acconti”. La modulistica sarà online sul sito della Protezione civile.