Non solo le varianti inglese, brasiliana e sudafricana: in arrivo quella nigeriana, massima allerta anche in Sardegna

A Radio CASTEDDU, Salvatore Rubino direttore virologia di Sassari: “Bisogna indossare la mascherina, igienizzare le mani ed evitare gli assembramenti”. 
“In tutto il territorio nazionale erano già presenti le varianti brasiliana e un po’ meno quella  sudafricana e, prima o poi, si sapeva che avrebbero raggiunto la Sardegna”

Non solo le varianti inglese, brasiliana e sudafricana: in arrivo quella nigeriana. A Radio CASTEDDU, Salvatore Rubino direttore virologia di Sassari: “Bisogna indossare la mascherina, igienizzare le mani ed evitare gli assembramenti”.
“In tutto il territorio nazionale erano già presenti le varianti brasiliana e un po’ meno quella  sudafricana e, prima o poi, si sapeva che avrebbero raggiunto la Sardegna come già ha fatto quella inglese qualche settimana fa.
Proprio in questa ultima settimana, abbiamo avuto una recrudescenza dei casi dovuti, però, alla variante inglese. Abbiamo avuto di nuovo a Bono altri casi nonostante il lockdown e casi in altri paesi della Sardegna, non solo nel nord ma anche nel sud dell’Isola, con la variante inglese che si diffonde molto rapidamente, è molto contagiosa. La colpa è delle persone che non rispettano le regole, questo bisogna dirlo con forza, è una sfida tra, soprattutto, quelli giovani ma non si capisce il premio finale se non quello di essere in zona arancione e, poi, di ritornare indietro nel tempo. La variante sudafricana è stata scoperta nella zona del Logudoro e quello che preoccupa è che non ci sono molti studi che ci dicono se siamo protetti. Questo è il motivo per cui si cerca di controllarla e poi perché ci sono casi di reinfezione, ossia persone che avevano avuto il ceppo classico e poi si sono infettati nuovamente; questo implicherebbe che il sistema immunitario non abbia risposto a dovere rispetto a queste nuove varianti. Il vaccino è l’arma che abbiamo, dobbiamo vaccinare il prima possibile.
Io sono un po’ demoralizzato perché, nonostante gli appelli, c’è sempre questa sfida di chi non mette la mascherina, di chi crede di essere quasi un highlander, quindi immortale. Se tutti avessero davvero mantenuto e seguito le regole, a quest’ora non parleremo neanche delle varianti.
Tornare in zona bianca sarà possibile in tempi brevi? Onestamente leggere nella sfera di cristallo non è facile anche perché queste situazioni evolvono rapidamente. Adesso già si parla di una nuova variante, quella nigeriana: bisogna tenere la mascherina, lavarsi le mani evitare gli assembramenti”.
Risentite qui l’intervista a Salvatore Rubino
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: