No al femminicidio, Palazzo Bacaredda si tinge di rosso per un giorno

L’iniziativa del Comune


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il Palazzo civico di Cagliari si “tinge” di rosso per un giorno, nella settimana dedicata alla lotta contro il femminicidio. L’iniziativa, che si svolgerà lunedì 25 novembre dalle 9 alle 17.30, vedrà il coinvolgimento dei cagliaritani che potranno esprimere il proprio no alla violenza sulle donne legando un fiocco rosso alla cancellata di Palazzo Bacaredda, ma anche portando delle scarpe rosse, simbolo del femminicidio. Le calzature verranno inizialmente sistemate nella scalinata del Palazzo e nel piazzale, per poi, progressivamente, essere collocate in strada in modo da formare un’ideale camminata simbolica verso il gazebo informativo allestito in Piazza Yenne. Qui le associazioni Fidapa, Socialismo diritti riforme insieme agli studenti del liceo De Santis, distribuiranno materiale informativo. In sostanza verrà creata una camminata simbolica verso il cambiamento contro la violenza, e l’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema del femminicidio.

L’iniziativa, infatti, si colloca tra gli eventi della settimana di “Cagliari cammina conto la violenza” promossa dalla Commissione Pari Opportunità e presentata lo scorso mercoledì 20 novembre dalla presidente della omonima commissione, Elisabetta Dettori, accompagnata dal vice sindaco di Cagliari Paola Piras. Una serie di iniziative che si svolgeranno nell’arco di una settimana, dal 22 al 29 novembre. Ma il giorno clou sarà proprio il 25: oltre alla camminata simbolica di scarpe rosse e ai fiocchi apposti nel cancello del Comune, è prevista una manifestazione di iniziativa nazionale “Lo sciopero delle donne”, insieme all’associazione “Se non ora quando”, Cgil e Uil Sardegna. Partirà alle 18 in piazza Garibaldi, e prevede l’esposizione di un drappo rosso nei balconi e finestre delle proprie case e un capo di vestiario rosso in ricordo di tutte le donne violate e uccise.


In questo articolo: