Nessuna rassicurazione per i lavoratori degli appalti della Regione

Dall’incontro avuto oggi con i funzionari regionali e il capo di Gabinetto non vi è stata alcuna rassicurazione per le decine di lavoratori degli appalti regionali che temono per il loro futuro.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Prosegue la rivolta dei lavoratori degli appalti del servizio facchinaggio della regione e portierato Asl, che ieri hanno organizzato un sit-in di protesta sotto il palazzo del consiglio regionale in via Roma e, oggi, a fine mattina sono stati ricevuti per ottenere chiararimenti e  rassicurazioni che, puntualmente, non sono arrivate.

Il timore è che con i nuovi contratti fiduciari venga loro dimezzato lo stipendio dalle attuali 9 euro all’ora a quattro, addio alla 14esima, e a molti di loro tagliate le ore lavorative, o che addirittura siano licenziati.  I funzionari regionali e il capo di gabinetto Matteo Muntoni hanno risposto alle loro preoccupazioni affermando – secondo quanto riferisce il portavoce dei lavoratori Mattia Mazzuzzi – che “le gare per gli affidamenti adelgi appalti non sono ancora state assegnate e stanno valutando la documentazione fornita. “

“Oggi alle 18:30 ci riuniniremo insieme a tutti i lavoratori – spiega Mazzuzi- per decidere come muoverci. Stiamo cercando di trovare una soluzione al problema anche dal punto di vista legale che avevamo contattato qualche settimana fa. La situazione è molto difficile, ma non ci arrenderemo, useremo tutti i mezzi possibili per evitare questa batosta”.

Nessun sindacato di mezzo, questa battaglia la vogliono combattere da soli perché a detta loro “non sono stati tutelati quando venivano stilati i nuovi contratti”.

 

 


In questo articolo: