Muravera, 3 cuccioli di cane abbandonati in via Giardini: salvati da barracelli e polizia

Erano stati abbandonati nei pressi del secondo incrocio di via Giardini, a Muravera, in una scatola di cartone. Tre cuccioli di cane sono stati salvati dagli uomini della Compagnia barracellare del paese che li hanno accolti presso il loro comando, accuditi e sfamati.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Erano stati abbandonati nei pressi del secondo incrocio di via Giardini, a Muravera, in una scatola di cartone. Tre cuccioli di cane sono stati salvati dagli uomini della Compagnia barracellare del paese che li hanno accolti presso il loro comando, accuditi e sfamati.
“Siamo intervenuti su richiesta della comandante della Polizia Locale dell’Unione dei Comuni del Sarrabus, Maura Murgioni – ha raccontato Daniele Battaglia, comandante della Compagnia barracellare di Muravera –  a sua volta avvertita dalle Guardie Ecozoofile dell’Organizzazione Italiana Protezione Animali di Cagliari. Una volta giunti sul posto, abbiamo trovato i cuccioli che, per fortuna, erano in buone condizioni, e li abbiamo trasferiti presso il nostro comando dove sono stati accuditi e rifocillati”. Dopo alcune ore i tre cagnolini sono stati presi in consegna dagli agenti della Polizia Locale e dal personale del Dog House, il canile di Cardedu, in Ogliastra, convenzionato col Comune di Muravera. Qui riceveranno le cure adeguate e potranno essere adottati.
“E’ stata un’occasione importante per allacciare rapporti di collaborazione fra la nostra Compagnia, la Polizia Locale e le Guardie Ecozoofile per future interazioni in tema di randagismo, un tema sul quale non dobbiamo abbassare la guardia”.
Dal canto suo l’assessore all’Ambiente e alle Borgate, Fabio Piras, ha sottolineato che “l’Amministrazione comunale  crede fortemente nella compagnia barracellare, e nei compiti di vigilanza ambientale e protezione civile che essa svolge. Attività fondamentali in un territorio così vasto e delicato come il nostro. I barracelli sono e dovranno continuare ad essere un supporto in più per tutta la cittadinanza”.


In questo articolo: