Monserrato ricorda le vittime del bombardamento del 1943

Una solenne commemorazione verrà celebrata venerdì alle ore 18: dall’asilo monumentale alla stele in via del Redentore per ricordare i 54 cittadini che persero la vita per colpa della follia della guerra.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Un giorno che non viene dimenticato nonostante siano trascorsi oltre 80 anni: un momento di riflessione e commemorazione delle vittime del 31 marzo e del grande dolore che avvolse la città dell’hinterland cagliaritano. Quest’anno la Pasqua ha posticipato l’omaggio ufficiale di qualche giorno, che si ripete, in silenzio e rispetto, senza mai dimenticare, però, quello che, i più anziani ancora in vita, custodiscono come ricordi tragici, in cui dolore e paura si mescolano senza lasciar spazio ad altro. Lo spezzonamento americano, le bombe che cadono dal cielo, la morte e la distruzione che causarono: da parte dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Tomaso Locci, ogni anno si ricordano i tristi fatti con cerimonie e atti indelebili, come quello che ha denominato l’ex aeroporto militare “Campo di Aviazione di Monserrato Pauli”, “affinché non si dimentichi che questo luogo, che oggi ospita impianti sportivi e attività di svago, un tempo è stato il campo sorto per difendere la nazione dagli attacchi dei nemici” aveva spiegato Locci.
Intere famiglie, quel lontano 31 marzo del 1943, morirono a causa dei bombardieri anglo-americani: donne, uomini e tanti bambini. Molto probabilmente la furia di chi attaccò si concentrò soprattutto sul centro abitato anziché sull’aeroporto che non subì gravi danni: 3000 spezzoni furono lanciati sui cittadini inermi 15 minuti dopo che le sirene e le campane della chiesa di Sant’Ambrogio suonarono per allarmare la popolazione.
Una strage che, sino a poco tempo fa, raccontava ancora Cesare Pibiri, scomparso di recente, reduce dalla furia snaturata della guerra. All’età di undici anni lavora nei campi e quel pomeriggio, mentre era impegnato nella potatura di una vigna, nella zona di Is Mirrionis a Cagliari, sentì gli aerei passare e bombardare, si girò a guardare verso la sua Monserrato e vide il fumo nero che sovrastava il paese; preso dalla paura e dalla preoccupazione per la sua famiglia corse verso casa. Quando arrivò, vide le due sorelle e il fratello in preda alla disperazione. Gli comunicarono che sia la madre che il padre erano stati colpiti dagli spezzoni e che i loro corpi erano stati portati a Cagliari, forse all’ospedale Civile o alla Croce Rossa.
Entrambi i genitori morirono: il piccolo Cesarino dovette diventare grande tutto in una volta e, come lui, tanti altri bambini che rimasero orfani.
Testimonianze che non devono essere dimenticate ma ben custodite e tramandare affinché rimangano sempre vive nella memoria di tutti.


In questo articolo: