Monserrato in lutto per la morte del partigiano Piero Spiga: “Addio a un grande e valoroso combattente”

Se ne va a 95 anni uno dei partigiani più noti in città, da giovane ha combattuto nelle Marche. Il ricordo commosso di Marco Sini dell’Anpi: “È sempre stato orgoglioso di ciò che ha fatto”

Monserrato in lacrime dice addio a Piero Spiga, uno dei partigiani sardi più famosi e che hanno combattuto in prima linea il nazismo e il fascismo. Il suo cuore ha cessato di battere a novantacinque anni: nato nel 1924, durante la Seconda guerra mondiale ha combattuto per liberare l’Italia nelle Marche, con il Gruppo di azione “Minciotti”, prima che il gruppo cambiasse nome in onore di Nello Congiu, uno degli altri due monserratini che hanno combattuto insieme a lui. Molto toccante il ricordo di Marco Sini, volto noto dell’Anpi sarda: “Piero Spiga aveva il dploma di partigiano combattente firmato da Sandro Pertini e fino a qualche mese fa nei giardinetti di Monserrato, quando usciva a passeggio, a chiunque incontrava, amici, conoscenti o sconosciuti cantava un’aria lirica e diceva con orgoglio che era stato un partigiano”.

 

Un pensiero ariiva anche da Gianfranco Vacca: “Ho conosciuto di persona Piero quando ho scritto un libro incentrato sui partigiani sardi. Di lui mi hanno sempre colpito la serenità e il sorriso, difficili anche solo da immaginare in un uomo che, per colpa dei tedeschi, ha visto la morte in faccia”.


In questo articolo: