Monserrato, dal sindaco solidarietà a Tidu e Lecca: “La nomina di Picciau è vecchia politica”

In un video pubblicato sul suo profilo Facebook, Tomaso Locci condanna il “gioco di palazzo” che ha determinato la nomina della nuova capogruppo dei Riformatori Sardi di Monserrato, ma auspica che l’incarico sia di impulso per lavorare assieme

“Una nomina da vecchia politica, quella dei cosiddetti sotterfugi, delle cose poco trasparenti”. Commenta così, il sindaco di Monserrato Tomaso Locci, la nomina di Valentina Picciau a nuovo capogruppo dei Riformatori Sardi, esprimendo piena solidarietà e fiducia al destituito Ignazio Tidu e all’assessora, nonché vicesindaco, Maristella Lecca, ma anche a tutto il direttivo dei Riformatori Sardi di Monserrato.

“Il gesto con cui si è consumata la nomina di Valentina Picciau è avvenuto in una maniera d’altri tempi, quella vecchia politica che noi, quando ci siamo presentati ai cittadini, nel 2016, non volevamo si ripresentasse mai”, ha detto il sindaco in un video pubblicato sulla propria pagina Facebook. “Dobbiamo renderci conto che questi gesti sono da evitare, nonostante il regolamento lo preveda, perché dobbiamo amministrare con coscienza, cosa che a mio modo di vedere, da cittadino, non è avvenuta”, ha ribadito Lecca.

“Tuttavia – ha aggiunto – al di là di questi giochi di palazzo, io vedo le cosa da un punto di vista ottimistico, nel senso che se questo gesto è stato voluto con così tanta forza da Salvatore Zuddas e Valentina Picciau, significa che la Picciau ha voglia di lavorare assieme a noi, e mi auguro che questo nuovo incarico possa darle un impulso importante che faccia bene a tutta la maggioranza. Spero che entrambi inizino ad aiutarmi a fare proposte, perché finora ne ho viste veramente poche ”.

Guardate il video

https://www.facebook.com/Tomaso-Locci-sindaco-287507798255873/posts/