Monserrato come Barcellona e Madrid: il mercato civico si trasforma in luogo di ritrovo per giovani e studenti

Il sindaco Locci: “Abbiamo i fondi e anche il progetto esecutivo, entro 3 mesi partiranno i lavori”. È oramai giunto alle battute finali il mega progetto per il rilancio del commercio in città, quello che richiamerà cittadini da tutto l’hinterland


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Monserrato come Barcellona e Madrid: il mercato civico si trasforma in luogo di ritrovo per giovani e studenti universitari che potranno mangiare, studiare e trascorrere momenti di aggregazione sociale. Non solo: una terrazza con vista darà la possibilità di frequentare la struttura anche la notte. Il sindaco Locci: “Abbiamo i fondi e anche il progetto esecutivo, entro 3 mesi partiranno i lavori”. È oramai giunto alle battute finali il mega progetto per il rilancio del commercio in città, quello che richiamerà cittadini da tutto l’hinterland e che è ideato secondo i canoni di successo delle metropoli europee. Polo universitario e non solo, Monserrato ospita anche il policlinico: a due passi da Cagliari e dal mare è punto di passaggio per molti con l’obiettivo di essere, sempre più, meta di arrivo: con questo obiettivo è stato studiato il programma di progetti portati avanti dall’amministrazione di Tomaso Locci che si ritiene “soddisfatto per i risultati raggiunti”.

Non solo parchi e piazze, poli sportivi e strade: anche la struttura abbandonata da anni è pronta a risorgere. 4 milioni e mezzo di euro dal Pnrr e una partecipazione del Comune con poco più di un milione di euro: questi i fondi necessari per realizzare al piano terra box e spazi per i venditori, ristoranti, bar e al secondo, area con palco per la musica, per leggere, studiare o lavorare dal pc al terzo con una maxi terrazza all’aperto da utilizzare anche la notte. Tutti al mercato civico, insomma, “ci saranno attività per i colloqui e attività di lettura, di incontro e spazi dedicati anche alle attività commerciali, quindi la possibilità di realizzare qualche negozio. Un ritrovo sociale per i nostri cittadini, per gli universitari, per i giovani, un rilancio per il commercio dell’intera città”. Il progetto, avviato già negli anni del covid, sarà presto approvato ufficialmente: la ditta per eseguire i lavori è già stata scelta, i tempi si accorciano dunque, e il termine dell’opera è fissato entro un anno e mezzo circa.


In questo articolo: