Minacce di morte a Zoffili per la raccolta fondi avviata dopo i devastanti incendi in Sardegna

“Prepara il portafoglio che ti mando un bonifico sotto forma di coltelli pattadesi da passarti in gola lurido verme”, si legge in uno dei messaggi sui social destinati al coordinatore della Lega nell’isola. “Non arretriamo, continueremo ad aiutare chi è stato così duramente colpito”, dice il parlamentare

Minacce di morte al coordinatore della Lega in Sardegna, Eugenio Zoffili, per la raccolta fondi avviata a sostegno delle popolazioni colpite dai devastanti incendi che domenica hanno distrutto il cuore dell’isola. “Prepara il portafoglio che ti mando un bonifico sottoforma di coltelli pattadesi da passarti in gola lurido verme”, si legge in uno dei messaggi rivolti a Zoffili. “La Lega non arretra di un millimetro nella raccolta fondi per aiutare le comunità colpite dall’emergenza incendi in Sardegna. L’ennesima minaccia di morte che ho ricevuto sui social non fermerà questa iniziativa di solidarietà così come le azioni concrete in sostegno alle comunità colpite dagli incendi che stiamo portando avanti anche a Roma, in parlamento e al governo”, dice Zoffili.

 

 

“Certo, non è bello leggere frasi come ma, come dice sempre Matteo Salvini, ‘All’odio rispondiamo con l’amore. E una querela’. In proposito, esprimo un plauso al prefetto Gianfranco Tomao, al questore di Cagliari Paolo Rossi e alla sua squadra per aver già individuato sette persone che hanno devastato il nostro gazebo in piazza Garibaldi a Cagliari lo scorso 20 luglio e per averne denunciate proprio in queste ore altre sette”, conclude Zoffili.