Milis, momenti di terrore nello studio dentistico: indagini in corso

Sono ripartite stamattina all’alba le ricerche dei due uomini che ieri sera hanno immobilizzato la dipendente di uno studio dentistico. 


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Non hanno ancora un volto e un nome i malviventi che ieri hanno seminato il terrore all’interno di uno studio dentistico di Milis, in provincia di Oristano. Sono proseguite fino a tarda notte, infatti, le ricerche dei due uomini che hanno aggredito e rapinato l’assistente di uno studio dentistico per impossessarsi un magro bottino che ammonterebbe a centocinquanta euro.

I due sono entrati in azione con il volto travisato da un passmaontagna ed armati. Impugnavano una pistola ed un coltello che hanno puntato contro la donna, che non ha avuto alcuna possibilità di opporsi. Era stata tra l’altro immobilizzata: utilizzando alcune fascette da elettricista, i malviventi le avevano bloccato i polsi, in modo da potere passare al setaccio i locali dello studio, in cui non avrebbero trovato nient’altro di prezioso. La vittima, sotto choc, è riuscita a raggiungere il suo telefonino e chiedere soccorso.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del paese e della compagnia di Oristano, che sulla base delle poche indicazioni fornite dalla vittima hanno avviato subito le ricerche, che sono proseguite fino a tarda notte e poi sono riprese stamattina all’alba.