Michele Piras: “Il sito di Sel mantiene in vita circoli inesistenti”

Il deputato di Sel, partito ormai sciolto in campo nazionale ma che si presenta solo a Cagliari col vecchio simbolo, ammette le difficoltà telematiche. Intanto Piras è stato querelato per diffamazione da Casteddu Online, dopo i ripetuti insulti alla stampa libera che ha denunciato le strane assunzioni a Cagliari

“Il sito di Sel mantiene “in vita” un circolo tematico che non esiste più. Non è aggiornato”. La critica non arriva dal primo iscritto qualsiasi ma candidamente nella sua pagina Fb da Michele Piras, deputato di Sinistra Italiana eletto in una lista bloccata alleata con il Pd. Che governa in Sardegna con il Pd e Pigliaru, mentre a Roma fa opposizione a Renzi. Piras oggi interviene sul caso di Anna Puddu, la candidata di Sel assunta in Comune e nominata persino scrutatrice, con l’autogol mediatico di fare girare ulteriormente la notizia già condivisa sui social da migliaia di disoccupati sardi. Si riferisce al circolo tematico che sino al 2015 era capeggiato proprio da Anna Puddu, la candidata scrutatrice. 

Michele Piras, che nei mesi scorsi è stato querelato penalmente per diffamazione dalla redazione di Casteddu Online per i reiterati insulti al nostro giornale, si mostra dunque critico anche verso il suo stesso moribondo partito, ormai sciolto in campo nazionale, o almeno su quel che resta della gestione della comunicazione su Internet. Un ormai ex partito che a Cagliari si presenta ancora col simbolo di Sel, in questi giorni agli onori della cronaca per le polemiche sulle assunzioni diversi iscritti di Sel in tanti enti pubblici cagliaritani, senza concorso. Sulle quali Piras non dice mezza parola. Si era espresso, invece chiaramente su Fb, per dare solidarietà al vicesindaco di Borore nel giorno del suo arresto per la triste vicenda di Sindacopoli. 


In questo articolo: