Michele Ciusa (M5S), la grinta del giovane consigliere regionale: “Più lavoro e sanità migliore per i sardi”

Ha 31 anni ed è tra i consiglieri più giovani dell’Aula, Michele Ciusa: “Troppi giovani mi hanno detto che non vogliono lasciare l’Isola, sulla salute non si può scherzare. Stiamo portando avanti una battaglia totale sulla trasparenza, i cittadini sardi devono sapere di cosa discutiamo e cosa votiamo”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

L’emozione della prima storica volta tra i banchi del Consiglio regionale sardo è già stata messa in archivio, lasciando spazio alla voglia di fare. I 5 Stelle sono all’opposizione in Regione e rappresentano una novità non di poco conto. Tra i sei consiglieri c’è anche Michele Ciusa, trentun anni: “Dopo quarantaquattro giorni non ci sono ancora tutti gli assessori, bisogna accelerare per iniziare a lavorare a pieno ritmo e dare risposte ai sardi”. Ecco, i sardi. Ciusa ha incontrato migliaia di persone, in campagna elettorale, di tutte le età. Anche – e soprattutto – giovani come lui: “Il lavoro e la sanità sono le due emergenze principali, tanti ragazzi e ragazze mi hanno detto che non vogliono abbandonare l’Isola”, afferma, “già tanti sono stati costretti a farlo”.

 

E allora, che fare? “Darsi da fare, pancia a terra, per risolvere questi problemi. Sulla salute e sulle cure non si può scherzare”. Ciusa ha le idee chiarissime anche sull’eventualità-ipotesi di poter stringere alleanze con l’altra opposizione, quella di centrosinistra. “No”, dice nettamente, “analizzeremo tutte le proposte che arrivano e se saranno a favore dei sardi le voteremo, altrimenti faremo una giusta opposizione”.