Metropolitana: via al progetto della linea aeroporto-Capoterra-Pula

Nel piano della mobilità della città metropolitana ok alla metro in tutta l’area vasta: da Monserrato il collegamento a Sestu. Da qui all’aeroporto e poi via all’ultima tratta fino a Capoterra e Pula

Collegherà un pratica tutta l’area vasta di Cagliari. La metropolitana di superficie dovrà raggiungere Sestu (dal Policlinico, dove è già attivo il collegamento con Monserrato) e da qui l’aeroporto. E dallo scalo di Elmas partirà l’ultimo “braccio” della rete: la linea fino a Capoterra e che andrà poi a concludere la corsa Pula.

“Il vecchio progetto della metropolitana risaliva al 2008” spiega Fabrizio Marcello, delegato alla Mobilità della Città metropolitana di Cagliari, “adesso nel Pums (piano urbano mobilità sostenibile) della Città metropolitana stiamo ragionando su come portare la metro in tutta l’area vasta. Già deciso il collegamento Monserrato-Pitz’e Serra, pensiamo di collegare Monserrato con Sestu (attraverso il Policlinico) e Sestu con l’aeroporto di Elmas. Da qui conclude: pensiamo all’ultimo braccio che collegherà l’aeroporto con Capoterra fino poi a chiudere l’anello a Pula”.

Tempi, ovviamente, lunghi tra ricerca dei fondi, progetti, appalti e lavori. Ma intanto l’obiettivo della Città metropolitana è quello di governare la gestione della metro (attualmente in carico all’Arst, società della Regione) attraverso il Ctm. “Già nel documento unico di programmazione”, prosegue Marcello, “è nero su bianco il cambio della mission del Ctm che non dovrà limitarsi ai trasporti su gomma come ora, ma potrà anche scegliere i trasporti su ferro”.


In questo articolo: