“Medico di famiglia contagiato a Cabras, ora basta: richiesta urgente di esame sierologico e tampone per i medici sardi”

La lettera preoccupata dei presidenti degli Ordini dei Medici sardi dopo il nuovo contagio di Oristano: “Chiediamo con forza ed urgenza che tutti i Medici di Medicina Generale (di Assistenza Primaria e di Continuità Assistenziale) della regione vengano sottoposti, in via prioritaria e contemporaneamente ai colleghi dei reparti ospedalieri, ad esame sierologico e tampone per la ricerca di eventuali portatori asintomatici dell’infezione virale”

“Medico di famiglia contagiato a Cabras, ora basta: richiesta urgente di esame sierologico e tampone per i medici sardi”, Gli Ordini dei Medici Chirurghi della Sardegna e i sindacati FIMMG e SNAMI, venuti a conoscenza di un nuovo contagio di un medico di famiglia nella ASSL 5 di Oristano, preoccupati per la protezione dei Medici di Medicina Generale a causa della esiguità delle forniture di Dispositivi di Protezione Individuale,

  • vista la situazione dei contagi che colpiscono anche nella nostra regione i Medici di Medicina Generale che sono più di altri professionisti possibili vettori di infezione,
  • constatata la dichiarata disponibilità di test rapidi e sierologici per la diagnosi di SARS-cov 2,
  • nell’ottica di un corretto avvio della cosiddetta Fase 2, con riapertura graduale di attività e professioni,

“Chiediamo con forza ed urgenza che tutti i Medici di Medicina Generale (di Assistenza Primaria e di Continuità Assistenziale) della regione vengano sottoposti, in via prioritaria e contemporaneamente ai colleghi dei reparti ospedalieri, ad esame sierologico e tampone per la ricerca di eventuali portatori asintomatici dell’infezione virale.

La sicurezza dei nostri professionisti e di tutti gli operatori sanitari deve essere l’assoluta priorità del momento, se vogliamo garantire tutela e salvaguardia per la nostra intera comunità”. L’appello è firmato dai presidenti degli Ordini dei Medici Raimondo Ibba (Cagliari), Maria Maddalena Giobbe (Nuoro),  Antonio Sulis (Oristano) e Nicola Addis (Sassari), 


In questo articolo: