Medico di Cagliari ucciso da un rumeno ubriaco al volante mentre fa jogging, addio a Luca Furcas

Il 37enne si trovava a Roma per motivi di studio. A investirlo vicino a Villa Borghese uno straniero risultato positivo all’alcoltest. Il dolore dei parenti e il cordoglio della rettrice della Sapienza, Antonella Polimeni: “Pieno cordoglio della nostra comunità per la dolorosa scomparsa”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

È Luca Furcas, medico di Cagliari in trasferta a Roma per motivi di studio, il 37enne travolto e ucciso da un rumeno ubriaco al volante di una Bmw elettrica mentre stava facendo jogging vicinissimo a Villa Borghese. Studiava a La Sapienza, era uno specializzando con grandi progetti per il suo futuro, spezzati, annientati dall’ennesima tragedia stradale che vede coinvolto un guidatore che ha alzato troppo il gomito: il rumeno, infatti, è risultato positivo all’alcol test effettuato dagli uomini della polizia Locale capitolina. Inutili, purtroppo, i soccorsi rapidi effettuati dagli uomini di un’ambulanza del 118, arrivata a sirene spiegate accanto alla mega area green romana. Solo dopo un po’ di ore e una serie di verifiche e controlli intrecciati si è avuta l’amara certezza che la vittima fosse proprio Furcas: al momento dell’incidente, il trentasettenne aveva solo lo smartphone e nessun documento utile. I suoi parenti sono stati contattati dagli stessi agenti e hanno già lasciato la Sardegna per raggiungere la Capitale e sbrigare l’altrettanto triste iter che porterà al funerale del loro caro. Il corpo è stato sbalzato sull’asfalto per decine di metri, il guidatore è stato denunciato per omicidio stradale

 

 

 

 

E tutto il mondo accademico della Sapienza si stringe attorno ai familiari di Luca Furcas. “Esprimo il più sentito cordoglio mio e di tuttà la Comunità Sapienza per la dolorosa scomparsa di Luca Furcas, nostro studente in specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitativa”, così la rettrice Antonella Polimeni in un toccante post sul suo profilo pubblico di Instagram. “Ci stringiamo alla famiglia, agli affetti, alle colleghe ed ai colleghi di Luca. Piangiamo l’ennesima, giovane vittima di una tragedia stradale”.