Medau Su Cramu, i residenti “sfrattati” salvano un gabbiano protetto

La storia curiosa: Lazzarino Porcu, proprio l’uomo che ha ricevuto il clamoroso sfratto a Medau su Cramu, si tuffa nel canale di Terramaini e salva un gabbiano in difficoltà. 

 Residenti tutori del Parco. E’ accaduto questa mattina, a Medau su Cramu: Lazzarino Porcu, (lo ricordiamo, lo stesso che il 23 Giugno è stato “obbligato” a sloggiare dalla propria abitazione perché ritenuto abusivo) ha salvato, tuffandosi nel canale di Terramaini, un gabbiano appartenente alla famiglia dei gabbiani rosa. Un gabbiano ferito a un’ala, appartenente alla specie protetta dei gabbiani rosa, che è stato prontamente consegnato alla Stazione del Corpo della Forestale, che provvederà al ricovero del volatile presso Il centro di recupero fauna selvatica a Monastir; curato ed assistito dagli operatori, verrà poi liberato. A raccontarci l’episodio, Mattia Durzu e Sergio Basciu, del maneggio “Caddos”: un chiaro esempio di come gli stessi abitanti rappresentano una risorsa per la flora e la fauna del parco. Il gabbiano è stato trovato nel canale di Terramaini, all’altezza dell’idrovora, durante un “giro di perlustrazione” degli stessi residenti a cavallo che sorvegliavano il parco contro le discariche abusive, gli incendi. Non sono nuovi a queste azioni di soccorso, anche di recente sono stati salvati numerosi fenicotteri e cavalieri d’Italia.

I residenti hanno frequentato il corso antincendio, sono dotati di manichette per intervenire nell’immediatezza sui roghi, ma l’unico problema è che manca l’acqua nelle colonnine sulla via Is Arenas, quindi si trovano a utilizzare l’acqua delle loro abitazioni . Attività che spesso è di concerto con gli ambientalisti, ma che necessita di maggiori forze in campo. Non si può dimenticare infatti anche il grave incendio del 2007, dove ettari di terreno del parco e abitazioni private sono andati in cenere. Anche in quella circostanza, la Forestale è arrivata dopo alcune ore (considerate anche le numerose chiamate di soccorso e spegnimento in altrettante zone dell’hinterland cagliaritano). Servizio curato dal giornalista/fotografo, Alessandro Congia preprod.castedduonline.localmente.it


In questo articolo: