Maxi evasione da 2 milioni a Cagliari: la società di manutenzione del Sardinia Radio Telescope incassava soldi pubblici e non pagava tasse

Solo formalmente aveva sede all’estero, in realtà la società finita nel mirino della guardia di finanza operava nella città metropolitana incassando finanziamenti pubblici senza mai versare un euro al fisco


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Scoperta una maxi evasione fiscale nella città metropolitana di Cagliari. Le Fiamme Gialle hanno rilevato la presenza sul territorio della città metropolitana di Cagliari di una società che si occupa della manutenzione del Sardinia Radio Telescope, solo formalmente di diritto estero ma che, nella sostanza, operava in tutto e per tutto come una azienda nazionale, senza però corrispondere le tasse sui redditi che produceva al Fisco italiano.

Peraltro i redditi conseguiti e sottratti a tassazione provenivano, in parte, da finanziamenti pubblici concessi per la costruzione e manutenzione del Sardinia Radio Telescope, destinato alla ricerca scientifica ed al monitoraggio delle missioni aerospaziali, opera affidata dal principale ente di ricerca pubblico italiano per l’astronomia e l’astrofisica, erede culturale e storico dei più noti osservatori astronomici. L’opera complessiva, del valore di oltre 70 milioni di euro, finanziata con contributi pubblici, è stata realizzata dall’azienda estera che ha operato sul territorio isolano per circa 15 anni, avvalendosi per qualche tempo di una consociata italiana appositamente costituita, cui erano stati subappaltati alcuni lavori di manutenzione,

In esito alla minuziosa attività d’indagine di polizia economico-finanziaria condotta dalla Guardia di Finanza cagliaritana è stato possibile accertare che la società estera, invocando lo status di soggetto non residente, ha potuto beneficiare sia nei rapporti economici con il committente che con altre aziende nazionali sub-appaltatrici, di un trattamento fiscale più favorevole omettendo di adempiere a tutti gli obblighi formali e sostanziali in materia di imposte dirette e iva cui è soggetta una azienda italiana. I molteplici elementi probatori raccolti dai Finanzieri nel corso dell’attività ispettiva hanno consentito all’Agenzia delle Entrate di accertare e riscuotere in unica soluzione dal soggetto estero maggiori imposte, sanzioni ed interessi dovuti per complessivi euro 1.637.445,80 cui si aggiungono 680.371 euro di IVA non spettante indebitamente rimborsata

Parallelamente, la Guardia di Finanza – anche attraverso i canali della cooperazione internazionale – ha scoperto l’ulteriore occultamento del possesso di capitali e di attività estere di natura finanziaria, illegittimamente detenuti in Svizzera ed in Singapore (paesi con regimi fiscali privilegiati) e non dichiarati attraverso la compilazione del modello “RW” della dichiarazione dei redditi, per una evasione di circa 11 milioni di euro.

Foto Alessandro Ridolfi


In questo articolo: