Maxi concorso per infermieri in Sardegna, quiz al posto di tema o risposte multiple: il Tar straccia tutto

Tutto da rifare per trovare 118 infermieri utili a sopperire alle carenze negli ospedali dell’Isola. L’Ares si becca una legnata dai giudici, bocciata la modalità delle prove e accolto il ricorso di una parte degli esclusi


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il Tar straccia completamente il maxi concorso per infermieri in Sardegna, tutto da rifare per trovare 118 persone, con i titoli in regola, pronte a lavorare negli ospedali sardi. La prima sezione del tribunale amministrativo (presidente Marco Buricelli, estensore Gabriele Serra) ha infatti accolto il ricorso presentato da decine di esclusi, contro l’Ares. Tutti posti a tempo indeterminato in palio: gli iscritti iniziali erano stati 1700, poi alla Fiera si erano presentati in 1100 e in 448 avevano superato la prima selezione. Il ricorso si basa sul particolare, non di poco conto, che nel bando stilato dall’Ares “fosse previsto lo svolgimento di una prova concorsuale scritta, consistente ‘nello svolgimento di un tema o nella soluzione di quesiti a risposta sintetica su temi inerenti lo specifico profilo professionale'”. Invece, la prova scritta, “contrariamente a quanto previsto nel bando e nell’avviso di convocazione, che nulla diceva in merito, si è svolta senza alcun preavviso mediante test a risposta multipla, e non mediante tema o quesiti a risposta sintetica. Il bando stesso invece prevedeva la possibilità di svolgimento di test a risposta multipla solo, in base al numero delle domande di partecipazione, per lo svolgimento di una eventuale prova preselettiva, ancora prima di verificare i requisiti di partecipazione e non concorrente alla formazione del punteggio finale”. Queste le ragioni del ricorso, pienamente accolte.
Gli esclusi si sono rivolti agli avvocati Corrado Maxia e Umberto Cossu. Lo scorso 9 dicembre il Tar blocca le nuove prove previste, oggi arriva la sentenza: tutto da rifare. L’Ares dovrà ripartire dall’inizio, con la prima prova, e ancora prima ovviamente dovrà comunicare la data e il luogo (probabilmente sarà nuovamente la Fiera di Cagliari) dove far svolgere le prove.


In questo articolo: