Maurizio, ex infermiere senzatetto di Cagliari: “Ho paura di finire in mezzo alla strada”

Ha 52 anni, da febbraio scorso non ha più una casa ed è malato. Maurizio fa la spola tra l’hotel 4 Mori e quel centro di Solidarietà che l’ha ospitato per otto mesi: “Prendo farmaci per combattere la depressione, sto male sin da quando sono bambino”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Tutti via dal centro di Solidarietà di viale Sant’Ignazio? Non proprio. C’è chi resta 24 ore su 24 e chi solo “parzialmente” per poter aprire le porte dei vari “reparti” di quella struttura che per tanti anni ha ospitato poveri e senzatetto. Maurizio, 52 anni, ha perso il lavoro quando si è ammalato: “Facevo l’infermiere”, racconta, “sono stato anche sfrattato perché mi hanno sequestrato la casa. Dovevo pagare bollette e tasse, ma come potevo fare se l’unica mia entrata, quando c’è stata, era il Rei mensile da duecento euro?”. Così, da febbraio scorso, è finito sopra una panchina, “e poi al centro di Solidarietà. Soffro di ipertiroidismo e prendo regolarmente farmaci per combattere la depressione”.

 

“All’hotel 4 Mori dormo bene, ma ho il terrore di finire nuovamente in mezzo alla strada. Alla mia età e con le mie malattie, che ho sin da quando ero bambino, non me lo posso davvero permettere”, confida, sconsolato, Maurizio.