Matteo Salvini taglia Daniele Caruso: “Basta con i fascisti”

Salvini al portavoce cagliaritano: ““Basta col saluto del legionario e con la destra estrema o sei fuori”. E Caruso lascia replicando: ““E’ incredibile che ci debbano imporre anche le modalità di saluto”

di Ennio Neri

Salvini: “Via Caruso: troppo fascista”. A tre anni dalla nascita, scatta la rivoluzione ai vertici di Noi con Salvini in Sardegna. La segreteria nazionale ha azzerato tutte le cariche nell’Isola e sostituito con due coordinatori provinciali il segretario sardo Daniele Caruso. Quest’ultimo è stato preso di mira per le sue posizioni “nostalgiche” ed è stato messo davanti ad un bivio: “Basta col saluto del legionario e con la destra estrema o sei fuori”. E Caruso ha lasciato. Ma oggi più che polemizzare esprime rammarico.  “Ho iniziato con loro alle europee la lista era Movimento Sociale Sardo – Lega Nord”, racconta, “evidentemente solo dopo 3 anni si son ricordati della mia biografia politica hanno detto che era necessario scegliere tra Movimento sociale e quello che è nato successivamente. Ci hanno detto che non c’è spazio per persone dichiaratamente di destra perché Noi con Salvini non è né di destra, né di centro, né di sinistra” e per quelli che fanno il “saluto del legionario”, (la stretta sull’avambraccio, diversa dal saluto romano col braccio teso, ndr).

LA REPLICA DI DANIELE. Per Caruso è stato davvero troppo. “E’ incredibile che ci debbano imporre anche le modalità di saluto”, aggiunge, “ci hanno chiesto di scegliere e così noi del Movimento sociale sardo non abbiamo rinnovato la tessera. I nostri l’avrebbero preso  come un tradimento e noi abbiamo scelto la coerenza”.

La segreteria nazionale ha nominato così Guido De Martini e Dario Giagoni coordinatori provinciali.  
De Martini, 61 anni, oculista cagliaritano ed ex coordinatore del capoluogo rappresenterà il movimento nelle province di Cagliari e Nuoro. Giagoni, 37 anni geometra di Santa Teresa di Gallura si occuperà di Sassari e Oristano.

 Dietro, secondo Caruso, c’è un preciso disegno politico: “Se hanno cambiato strategia è un problema di Salvini. Il suo movimento è destinato a conquistare la leadership del centrodestra grazie all’affanno dei partiti storici ed è probabile che in quest’ottica abbia deciso di optare per una “svolta moderata”. Ma io”, conclude, “non sono mai stato estremista. Anzi le ho anche prese e non ho reagito”, si difende riferendosi alle botte subite nel largo Carlo Felice da parte dei comitati antifascisti lo scorso anno che gli costarono qualche giornata di cure. 


In questo articolo: