Materassi luridi e un mare di bottiglie di birra, “capannone-discarica a Settimo San Pietro”

Cumuli di rifiuti in via dell’Unione Europea, la denuncia dei lettori: “È un capannone abbandonato, ci sono anche materiali infiammabili. Quand’è che lo ripuliranno?”

I materassi, almeno dalle foto, sono oltre una decina, ammassati per terra. Sullo sfondo si notano quelle che sembrano essere tante bottiglie di plastica, ancora avvolte nel cellophane. Ma basta abbassare lo sguardo per accorgersi della “grande schifezza” presente nella zona industriale di Settimo San Pietro. A denunciare l’ennesimo “sfregio ambientale” è il nostro lettore Mauro, che ha inviato a WhatsApp Casteddu (3807476085) anche due fotografie: “Si tratta di un capannone abbandonato, ci sono cumuli di rifiuti tra cui tantissimi materassi e anche materiale infiammabile”. Classica e quasi scontata la domanda: quand’è che qualcuno si preoccuperà di andare a ripulirlo?


In questo articolo: