Massidda: “Vi anticipo in busta chiusa i nomi del nuovo cda del Ctm, scommetto una cena”

La scommessa di Massidda: in una busta chiusa in anticipo i nomi dei nuovi tre componenti del cda del Ctm scelti dal Comune. Per “motivi non legati alla professionalità”, attacca l’ex presidente del porto. Che oggi con un post su Fb ha rilanciato la polemica sulla presunta spartizione politica

La scommessa di Massidda: in una busta chiusa in anticipo i nomi dei nuovi tre componenti del cda del Ctm scelti dal Comune. Per “motivi non legati alla professionalità”, attacca l’ex presidente del porto. Che oggi con un post su Fb ha rilanciato la polemica sulla presunta spartizione politica: “Il CTM è una eccellenza ed patrimonio della città ed una delle aziende di trasporto pubblico migliori d’Italia- ammette Piergiorgio Massidda- nel 2019 però i servizi di trasporto pubblico verranno assegnati tramite procedure di gara come impone l’Europa.
Ciò significa che la nostra cara azienda potrebbe perdere l’affidamento dei servizi in un scenario che la vedrà in competizione con le più grandi aziende europee .
Come ho esortato tante volte occorre organizzarsi per tempo e creare alleanze.
La scorsa settimana ho suscitato una reazione spropositata della maggioranza quando ho ricordato che il consiglio di amministrazione era scaduto ad Agosto del 2017 e che sui giornali un autorevole politico aveva fatto capire che le future scelte sarebbero avvenute per motivi non legati alla professionalità.
Sarà un caso, ma subito dopo la Giunta Comunale di Cagliari ha pubblicato un avviso pubblico per la ricezione di manifestazioni di DISPONIBILITÀ a ricoprire la carica di componente e di presidente del consiglio di amministrazione proprio del CTM.
Il Comune di Cagliari ha diritto statuto a tre componenti su cinque tra i quali uno con funzioni di presidente.
Ebbene ho scommesso una cena con un amico per ogni nome che indovinerò e li abbiamo scritti e messi in una busta chiusa che lasceremo ad un amico notaio.
Ho la sensazione di averne indovinato più d’uno”.


In questo articolo: