Marjiuana e hashish non sono più droghe pesanti: il dietrofront

Tornano le “droghe leggere”, ecco cosa cambierà


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Marijuana e l’hashish non saranno più considerate droghe pesanti al pari della cocaina, dell’eroina e delle anfetamine, come voleva la legge del 2006. La conferma arriva dalla Gazzetta Ufficiale. Venerdì sera, infatti, è stato pubblicato il decreto approvato dal Governo, dopo la “bocciatura” della Fini-Giovanardi da parte della Corte costituzionale.

Dietro front, quindi. Torna la vecchia distinzione tra le cosiddette droghe “leggere” e “pesanti”. La cannabis resta sempre una sostanza illegale, ma le sanzioni per detenzione e spaccio, che la legge del 2006 aveva equiparato a quelle delle sostanze “pesanti”, si dovrebbero alleggerire, tornando all’assetto definito dalla normativa in vigore prima del 2006, cioè la legge Iervolino-Vassalli, con pene comprese tra i 2 e i 6 anni di carcere per le droghe leggere, e tra 8 a 20 anni per le pesanti.


In questo articolo: