Mario, da Santadi a Reggio Emilia: “Sardi già emigrati nel 1960 per mancanza d’acqua”

Tra il mare di commenti dei lettori di Cagliari Online, scritti nelle ultime 24 ore sul tema dello spreco dell’acqua nella diga del Cixerri, la nostra redazione ha scelto quello di Mario Vinci, 64enne nato a Santadi ma residente a Reggio Emilia: “Politica incapace di gestire un bene, per la Sardegna, prezioso come l’oro”

“Noi nel lontano 1961 siamo emigrati per mancanza d’acqua. La solita incapacità della politica di saper gestire bene un’emergenza, perché l’acqua per la Sardegna è il vero oro”. A scriverlo è il nostro “lettore del giorno”, Mario Vinci. Sessantaquattro anni, nato a Santadi e residente a Reggio Emilia da molti anni. Oggi pensionato, un passato come lavoratore per due decenni in un mangimificio e, ancora prima, artigiano e imbianchino. Il lettore è intervenuto nei commenti Facebook al post dell’articolo “Guasto alla diga del Cixerri, migliaia di metri cubi d’acqua persi in mare: “E’ uno scandalo”. Un parere che non si discosta di molto da quello di tanti altri nostri lettori.