Maria ha lottato con le mani, le unghie, forse con qualcosa di tagliente contro l’ultimo marito violento

Cercando di barricarsi in bagno per sfuggire alla furia omicida del marito

Maria ha lottato con le mani, le unghie, forse con qualcosa di tagliente contro l’ultimo marito violento. Cercando di barricarsi in bagno per sfuggire alla furia omicida del marito Andrei Cegolea. Ma lui, 47 anni, moldavo, operaio, ossessionato dalla gelosia, è stato più forte delle resistenze, aprendo la porta, scaraventando con una spinta o un pugno la moglie 42enne, ex badante, sopra il bidet fino a sradicarlo per poi soffocarla mortalmente per non farla urlare. I dettagli sul nostro giornale partner Quotidiano.net: “Quando è stato rinvenuto il corpo, la donna era rannicchiata sotto la finestra da dove ha cercato di fuggire, nell’ultimo tentativo di difesa da quel marito che aveva cacciato fuori di casa un anno fa. Il quale, dopo l’omicidio, ha probabilmente vegliato la moglie una o due ore. Poi il suicidio intorno alle 15 o 16″.


In questo articolo: