Marco, disoccupato con famiglia: “Aiutatemi, voglio un lavoro”

La storia disperata di un 48enne di Cagliari senza lavoro da tre anni: “Per ora mi arrangio vendendo oggetti che la gente mi regala, ma ho bisogno di un lavoro”

Senza lavoro da tre anni, esattamente da quando è stato licenziato dalla ditta di trasporti in cui era stato assunto. Marco, un 48enne di Cagliari, da allora vive nella disperazione e nell’angoscia di non poter garantire un futuro alla figlia ormai ventenne, e una vita dignitosa alla moglie. Da mesi si arrangia vendendo roba di seconda mano che ritira a domicilio, grazie agli annunci lasciati di casa in casa. “Alcune cose le tengo per la famiglia – racconta – le altre le vendo al mercatino di piazza San Michele”.

Con lui c’è sempre la moglie, anche lei disoccupata. “Mi aiuta nella vendita – spiega – Per ora ci arrangiamo così, ma non è semplice: molti se ne approfittano e ci danno roba da buttare, tanti altri, invece, ci stanno dando una mano”. Diversi gli articoli richiesti e che Marco è disposto a ritirare a domicilio. “Libri, giornali e oggettistica – spiega – perché sono quelle cose che la gente compra di più. Ma anche scarpe da donna, uomo e bimbo, cinture, zaini, lenzuola, pentole e biancheria”. Ma l’obiettivo è trovare un lavoro. “Sono disposto a effettuare sgomberi di cantine, mansarde o sgabuzzini – dice – ma anche attività di pulizia, giardinaggio e manovalanza. Purtroppo non posso svolgere determinati lavori perché ho solo la quinta elementare, ma non voglio neanche più fare lo schiavo: ho una dignità”. Chiunque voglia aiutare Marco può chiamarlo ai numeri: 3405831895 – 3283866247. 


In questo articolo: