Marcello e Michela, con due figli piccoli, si stavano separando: lui la uccide e poi si costituisce

IL DRAMMATICO FEMMINICIDIO DI ALGHERO- Avevano due figli piccoli, Marcello e Michela. Si stavano separando, ma il percorso era complicato. Lei, 40 anni, dipendente di una cooperativa, si era rivolta inutilmente a un centro anti violenza. Aveva paura. Il marito ieri sera l’ha strangolata e uccisa

Avevano due figli piccoli, Marcello e Michela. Si stavano separando, ma il percorso era complicato. Lei, 40 anni, dipendente di una cooperativa, si era rivolta inutilmente a un centro anti violenza. Aveva paura. Lui, carrozziere e imbianchino, 42 anni, forse non si era rassegnato alla fine della storia. Ieri a tarda sera si è presentato ai carabinieri insieme al suo avvocato: “Ho strangolato e ucciso mia moglie”, la terribile rivelazione dopo il delitto in quella che era la loro casa, ad Alghero, in via Vittorio Veneto. L’ennesimo femminicidio in Sardegna, l’ennesima tragedia forse annunciata, forse evitabile, che si è consumata nella domenica a due giorni dal Natale. L’uomo ha dunque confessato l’omicidio, ora la casa è sotto sequestro mentre la polizia scientifica nella notte esegue i rilievi. Non si può morire così, la tragedia sconvolge la Sardegna a ridosso delle feste. (foto da Fb)


In questo articolo: