Maltempo, fiumi di detriti verso il Flumendosa: Sarcidano in crisi

Le squadre di Abbanoa sono a lavoro per gestire le criticità derivate dall’ondata di maltempo. Acqua potabile a rischio a Nurri e Orroli

Continua senza sosta il lavoro delle squadre di Abbanoa nel Sarcidano, impegnate nell’affrontare l’ondata di maltempo che in questi giorni ha colpito l’Isola. Il flusso di acqua piovana in arrivo a valle dalle zone più alte si è rafforzato con le piogge incessanti di questa notte: veri fiumi carichi di detriti si sono infatti riversati nel Flumendosa.

SITUAZIONE COSTANTEMENTE MONITORATA. La situazione è particolarmente critica, il lavoro degli operatori Abbanoa nell’assicurare il servizio, anche in condizioni proibitive, è incessante.

Le precipitazioni hanno notevolmente compromesso la qualità dell’acqua: legno e materiale di diverso genere sta continuando ad arrivare nell’invaso  rendendo difficile ogni operazione di prelevamento di acqua grezza da parte dell’Ente acque della Sardegna. L’Enas già da ieri ha sospeso l’alimentazione degli impianti di potabilizzazione dalla traversa di Ponte Maxia. La situazione è però peggiorata nella notte e oggi, considerata la quantità di detriti in arrivo sull’opera di presa Enas (visibili anche in foto), si sta rendendo necessario procedere con l’adozione di un piano particolare grazie ai nuovi collegamenti tra acquedotti realizzati la scorsa estate.

PIANO PER L’EMERGENZA. L’impianto di potabilizzazione di Pranu Monteri, che fornisce di acqua potabile i Comuni di Nurri e Orroli, non verrà avviato neanche oggi. Al momento l’erogazione è garantita dalle scorte dei serbatoio ma Abbanoa sta mettendo in pratica tutte quelle azioni di competenza necessarie per ridurre al minimo i disagi e tornare a una situazione di normalità il prima possibile. Per integrare le scorte è stato infatti attivato il collegamento con l’acquedotto del Gerrei verso il serbatoio di Nurri: cinque i litri al secondo in più. E sempre per poter garantire l’erogazione idrica per alcune ore anche nella giornata di domani si è reso necessario sospendere il servizio dalle 16 di oggi fino alle 6 di domani, 22 dicembre. Intensificati anche  i trattamenti e i controlli sulla risorsa in entrata e in uscita.

Abbanoa sta provvedendo i queste ore a inviare la comunicazione ai Comuni, da ieri costantemente informati rispetto alle condizioni del territorio, e alla Asl.


In questo articolo: