Macomer, XIV Mostra del libro sardo: inaugurata la mostra

Macomer, l’assessore Claudia Firino ha aperto stamattina la XIV Mostra del libro sardo: “La cultura è un potente motore di riconversione per lo sviluppo economico”

“La cultura è un potente motore di riconversione capace di contribuire allo sviluppo economico dell’Isola e creare le condizioni per facilitare l’accesso dei giovani nel mercato del lavoro”.

Lo ha rimarcato l’assessore regionale alla Cultura, Claudia Firino, intervenendo, questa mattina a Macomer, all’inaugurazione della Mostra regionale del libro sardo. L’apertura della rassegna, alla XIV edizione, ha fatto registrare il consueto bagno di folla nei padiglioni delle ex Caserme Mura dove è stata allestita l’esposizione e che, da oggi a domenica, faranno da sfondo ai numerosi eventi previsti dal ricco cartellone.

Dal palco del padiglione Filigosa, dove si è tenuta la cerimonia di apertura, il presidente del’AES, Simonetta Castia, ha evidenziato l’importanza di pensare da subito all’edizione 2015 in modo da gettare le basi per un programma condiviso e mirato alla qualità: “Occorre cominciare a lavorare già da gennaio alla prossima edizione con l’obiettivo di dare alla Mostra tempi certi e un percorso definito in un’ottica di collaborazione con tutti gli attori del mondo del libro”.

La particolarità di quest’anno è la presenza degli editori sardi, in contemporanea a Roma, alla Fiera della piccola e media editoria “Più libri, più liberi”, dove sarà presentato il progetto “L’Isola dei libri”. Gli editori sardi, dopo due anni di assenza, sono tornati nella capitale dove hanno allestito una sorta di enclave della Mostra di Macomer. Nel corso dell’inaugurazione, infatti, grazie a un collegamento in teleconferenza via Skype con la Fiera romana, l’editore Paolo Sorba ha rivolto un saluto al pubblico presente a Macomer. Con lo stesso sistema, alle 15.30, il ricercatore Fabrizio Deriu, da Roma, precederà, con una breve introduzione, il film di Francesco Rosi “Uomini contro”, un’opera del 1970 liberamente ispirata al romanzo di Emilio Lussu “Un anno sull’altipiano”.

In questi giorni sarà possibile dialogare con l’associazione di promozione della lettura 10 Righe dai libri che, in collaborazione con l’AES, interagirà da Roma promuovendo il gioco “di Passi sardi” e supportando la partecipazione alla Mostra del libro con animazioni in Fiera. Sul web, sarà proposta la seconda tappa del gioco “Passi sardi” in 10 righe, con il quale i lettori di tutta Italia saranno invitati a postare, da casa, in tempo reale, 10 righe tratte da libri scritti da autori sardi e/o pubblicate da editori sardi (proiettate su grande schermo), o che parlino della Sardegna.

Domani, seconda giornata della Mostra, per la sezione “Tra Isola e mondo”, alle 12, nel padiglione Filigosa, Sandro e Stefano Dessì, presentano Galilenses (Iskra). Coordina l’incontro Dario Maiore. Alle 16.30, Pietro Picciau presenta Le Carte del re (Arkadia) e alle 17.10, sempre al padiglione Filigosa, Gianni Marilotti presenta Il conte di Saracino. Queste ultime due presentazioni saranno coordinate dal giornalista Luca Foddai. A seguire, alle 17.50, Roberto Brughitta presenta Baci di laguna (Taphros), con la partecipazione di Marcello Polastri e alle 18.30, Gian Luca Mura con Mi hai rubato l’anima (PTM) coordina Dario Maiore.

Domani, ampio spazio al programma con le scuole secondo il programma diffuso nei giorni scorsi.