Contratto di governo M5Stelle-Lega: scontro tra Pigliaru e Mario Puddu

Pigliaru: “Parlare, fare grandi promesse, far credere che le soluzioni di problemi complessi sono semplici e immediate è facile. Governare no. Ora vedremo”. Puddu: “Il silenzio sarebbe stato davvero una scelta più saggia e dignitosa”

“Parlare, fare grandi promesse, far credere che le soluzioni di problemi complessi sono semplici e immediate è facile. Governare no. Ora vedremo”. È il post di Francesco Pigliaru, presidente della giunta regionale sarda in riferimento al contratto di governo siglato da Lega e Movimento 5 Stelle.

Pronta la risposta di Mario Puddu, sindaco di Assemini e uomo di Beppe Grillo nell’Isola. Caro Presidente.
“Il giorno della tua elezione ricordo di averti fatto gli auguri, perché i sardi avevano un gran bisogno di essere amministrati al meglio, qualunque colore politico fosse a governarli”, scrive il primo cittadino asseminese, “adesso, a distanza di 4 anni, il mio augurio è stato vano. La situazione, se non è rimasta uguale, è peggiorata sensibilmente e sempre per opera della tua parte politica, e davvero il silenzio sarebbe stato davvero una scelta più saggia e dignitosa. E tra l’altro fare peggio è impossibile, visto che abbiamo già raschiato il fondo”.