Lo stadio del futuro? Renato Serra (Udc): “Impianto nuovo e privato”

L’argomento proposto dal consigliere è all’ordine del giorno: “Abbiamo bisogno di un impianto nuovo subito”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il futuro dello stadio Sant’Elia? Un impianto sportivo nuovo costruito da un privato, con soldi e idee proprie, sulla base di direttive date dal Comune. L’argomento è all’ordine del giorno nella seduta del Consiglio comunale di domani, proposto dal consigliere Udc Renato Serra, che di fatto boccia l’ipotesi concorso di idee. “Non serve a niente – spiega Serra – se non a far perdere tempo, abbiamo bisogno di uno stadio nuovo subito”.

Mentre nell’impianto sportivo si lavora anche in notturna, per renderlo agibile e poter ospitare il Cagliari il prima possibile, si pensa al futuro. L’amministrazione ha già predisposto il capitolato speciale per un concorso di idee, che porterà alla stesura del bando: uno stadio polifunzionale con tribune retrattili per fare spazio a una pista di atletica, con spazi commerciali e culturali.

Ma secondo l’esponente dell’Udc “il concorso di idee non serve, il Comune deve bandire una gara di finanza di progetto. Alcuni sostengono che concorso di idee e project financing siano compatibili ed anzi complementari, ma a me sembra che ci sia confusione. Il fatto che il Cagliari torni al Sant’Elia non e’ un passo in avanti, è semplicemente tornare allo stesso punto in cui eravamo due anni fa: stadio con capacità ridotta e decadente. Ora è necessario andare avanti. Non confondiamo direttive, che giustamente devono essere date dal Comune, con le idee su come realizzare il progetto. La parte estetica, il concorso di idee e’ competenza di chi vorrà partecipare al project financing. Lui si sceglierà il suo progettista, sulla base indicazioni comuni, e lui se lo pagherà”. L’ordine del giorno verrà discusso domani in Aula.