Comune, rissa e urla tra Zedda e Massidda: centrodestra abbandona l’aula

Urla in aula nel corso del dibattito sulle tariffe Tari. Massidda: “Signor sindaco lasci perdere il cellulare e mi ascolti”. Zedda: “Come si permette di richiamarmi”? Opposizione abbandona la seduta

Lite furibonda in consiglio comunale. La zuffa tra Massidda e il sindaco Zedda durante la discussione sulle nuove tariffe Tari, col centrodestra che ha abbandonato l’aula in solidarietà con il consigliere di opposizione. Piergiorgio Massidda, consigliere #Cagliari16, nelk corso del proprio intervento, ha rimproverato il primo cittadino: “Mi ascolti e non guardi il cellulare” che è andato su tutte le furie: “Ma come si permette di richiamarmi?” ha esclamato Zedda, “io le sto dando attenzione e non sto giocando col cellulare”.

Dopo lo scontro il centrodestra ha abbandonato l’aula. La seduta è andata avanti e le nuove tariffe Tari sono state approvate (3 milioni di euro per abbattere le tesse, domani il documento sarà presentato alla stampa). Ma la lite ha acceso le discussioni anche dopo la seduta.

“Era attaccato al telefonino e non ascoltava e siccome stavo per fare un intervento di riferimento al suo intervento gliel’ho fatto notare”, ha commentato Massidda, “lui mi ha mandato a quel paese e io l’ho invitato a berci insieme una camomilla”


In questo articolo: