L’Inter strapazza un Cagliari senz’anima: 4-1 e addio Coppa Italia

Poker nerazzurro, notte fonda a San Siro per i rossoblù. Lukaku “record” fa doppietta, poi Borja Valero e Ranocchia spazzano via i ragazzi di Maran dalla Coppa Italia. L’unico vero lampo sardo arriva con la rete, inutile, di Oliva

L’Inter si “mangia” il Cagliari nella notte milanese. Quattro a uno il risultato finale, netta supremazia dei ragazzi di Conte mentre quelli di Maran sono stati quasi “invisibili” per gran parte del match. I rossoblù escono agli ottavi di Coppa Italia, continua il periodo “no” dei sardi. È Lukaku ad aprire le danze dopo soli 23 secondi, poi il primo tempo scivola via senza emozioni con l’eccezione del minuto ventidue, quando Borja Valero sigla il bis nerazzurro. Due a zero e tutti sotto la doccia prima della ripresa, che inizia ancora sotto il segno dell’Inter. Lukaku concede il bis al quarantanovesimo e manda definitivamente alle corde il Cagliari. Oliva “spunta” nel deserto di idee di gioco “made in Sardegna” e gonfia la rete al settantatreesimo, ma è come trovare una nuvola in cielo in una giornata dominata dal sole. L’Inter cala il poker finale con una prodezza di Ranocchia, che spinge in rete con la testa il pallone arrivato dalla bandierina del calcio d’angolo alla sinistra di un Olsen decisamente incolpevole su ogni rete milanese. Cala il sipario sulla gara dopo 93 minuti, è festa Inter e dramma Cagliari.

 

I rossoblù interrompono il “sogno” della Coppa Italia e devono già ributtarsi a capofitto sul campionato di serie A. Sesto posto dopo il girone di andata ma crollo verticale delle prestazioni nell’ultimo mese e mezzo. E domenica alle 15 i sardi sono attesi al Rigamonti, nella “tana” del Brescia.