Le Vele, chiude il negozio Chicco: a rischio 10 posti di lavoro

La denuncia dei sindacati Filcams e Uiltucs:” Licenziati dopo vent’anni di lavoro e senza alcun paracadute”

di Alessandro Congia

Licenziati dopo vent’anni di lavoro e senza alcun paracadute, nonostante accordi territoriali sul reimpiego: è quanto rischia di accadere ai dieci lavoratori del negozio Chicco, alle Vele di Quartucciu, che chiuderà il 31 gennaio. “Il Centro Commerciale non ha rinnovato il contratto di locazione all’azienda Artsana – denunciano Filcams e Uiltucs – senza sapere se vi fosse la disponibilità di rinnovare l’affitto e senza alcuna trattativa sul canone”. Quel che si sa è che gli spazi potrebbero essere occupati da una multinazionale con la quale il Centro avrebbe già avviato interlocuzioni.

Da qui la richiesta dei sindacati di categoria: “In caso di nuove aperture si tenga conto dei lavoratori che perderanno il posto di lavoro con impegni a garantire le clausole sociali per il passaggio alle nuove attività”. Filcams e Uiltucs (tramite il loro segretario generale, Cristiano Ardau), hanno chiesto un incontro al Centro Commerciale e al Sindaco del Comune di Quartucciu e ricordano un accordo, firmato con i sindaci ai tempi dell’apertura del Centro, che prevedeva l’utilizzo di una percentuale di lavoratori dei Comuni limitrofi, accordo che con questi licenziamenti verrebbe disatteso. Per queste ragioni le categorie sollecitano l’ amministrazione comunale affinché intervenga per garantire l’ occupazione nel territorio, e annunciano sin da ora che se il Centro Commerciale non risponderà alla richiesta di incontro, verranno organizzate azioni di protesta davanti all’ingresso.


In questo articolo: