Le Salon de Musique: La marche dans le désert

Da giovedì al via la rassegna dedicata quest’anno al centenario dal Genocidio armeno

E a novembre, in contemporanea con Milano e Yerevan, una mostra di arti grafiche multimediali

 

Quattordici appuntamenti per non dimenticare il Genocidio armeno, il primo genocidio del Novecento, che seminò un milione e mezzo di vittime.

Nel centenario dai terribili avvenimenti che videro un intero popolo massacrato e deportato, l’associazione culturale Suoni&Pause dedica la XIV edizione della rassegna Le Salon de Musique al ricordo di quella vicenda. E lo fa con un ricco calendario che da giovedì 16 aprile, sino al 16 ottobre, nella suggestiva cornice del Palazzo Siotto di Cagliari (in via Dei Genovesi 114), mescolerà musica, poesia e cinema. Nel segno di “La marche dans le désert”, il sottotitolo scelto per la nuova edizione della rassegna: preso in prestito dal titolo di un album di Irma Toudjian, pianista e fondatrice di Suoni&Pause, rievoca la lunga e straziante marcia degli armeni -tra il 1915 e il 1916- dall’Anatolia orientale alle zone desertiche.

Ad inaugurare l’edizione 2015 di Le Salon de Musique, giovedì 16 aprile alle 20.30, non potevano dunque che essere due artisti capaci di ripescare a piene mani della tradizione musicale e letteraria di quel popolo: il soprano Rosy Anoush Svazlian e il pianista Andrea Manzoni, protagonisti di un concerto intitolato Melodie armene. Dal geniale Komitas, considerato il padre della moderna musica armena, sino a Cathy Berberian, passando per Parsegh Ganatchian, formidabile compositore e direttore d’orchestra, sino alle struggenti liriche del poeta Sayat Nova, la serata sarà un viaggio lungo i sentieri della memoria e di una feconda cultura millenaria.

Il giorno dopo, venerdì 17 aprile, l’appuntamento è con un videoconcerto che omaggia uno dei più amati cineasti armeni: Artavazd Peliscian, uomo la cui vicenda personale si lega intimamente con gli avvenimenti della sua terra. Del regista saranno proposte le pellicole Le Stagioni (1972, B/N, 30 min.), considerata una delle pietre miliari della sua filmografia, e Gli animali (1960, b/n), accompagnate dalle musiche originali di Arnaldo Pontis e da Matteo Casula alla chitarra.

Sabato 18 aprile si ripercorreranno alcune pagine dell’intenso libro di Antonia Arslan La masseria delle allodole nel reading che vedrà impegnate l’attrice Elena Pau (voce recitante) e la pianista Irma Toudjian. Elena Pau e Irma Toudjian saranno protagoniste anche della serata di domenica 19 aprile, quando saranno offerte alcune letture dallo strepitoso romanzo di William Saroyan La commedia umana.

Dopo una pausa di pochi giorni, giovedì 23 aprile Le Salon de Musique propone un’altra serata fatta di letture con l’attrice Lia Careddu e Irma Toudjian al pianoforte: questa volta sarà proposto il toccante libro, a cura Alice Tachdjian Pietre sul cuore, il diario della madre della Tachdjian, protagonista a soli sei anni delle violenze perpetrate dai turchi sulla sua gente.

Venerdì 24 aprile è il giorno della commemorazione del Genocidio armeno: per questa occasione, Irma Toudjian proporrà il concerto La Marche dans le désert”, scritto per ricordare la deportazione verso il nulla di un popolo che, in larga parte, morì per sfinimento durante quella traversata.

Ancora testi di William Saroyan, tratti questa volta dalla raccolta di racconti Il trapezio volante, nella serata del 25 aprile: in scena ci saranno Daniele Meloni (voce recitante) e Irma Toudjian al pianoforte.

Venerdì 29 maggio si prosegue con il videoconcerto Il mio viaggio in Armenia di Ignazio Mascia, con musiche originali di Irma Toudjian al pianoforte.

Domenica 21 giugno in occasione della Giornata europea della musica l’appuntamento è con Le Salon de Musique “en fête”, una serata organizzata in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Siotto.

Si prosegue venerdì 24 luglio con la musica barocca del Duo Divèrbium, formato da Enrica Sirigu (flauto) e Roberta Tagarelli (clavicembalo). La clavicembalista Roberta Tagarelli sarà protagonista anche del concerto di venerdì 31 luglio.

Il 1° agosto, con il concerto di Stefano Guzzetti dal titolo Piano book le Salon de Musique si congeda dal suo pubblico prima della pausa agostana. La rassegna riprende venerdì 25 settembre con il penultimo appuntamento in cartellone: il concerto Trio jazz con il Lov’n jazz chamber trio composto da Paolo Carrus (pianoforte), Massimo Tore (contrabasso), Roberto Migoni (batteria).

A far calare il sipario sull’edizione 2015 di Le Salon de Musique sarà, venerdì 16 ottobre, un concerto del Vagues Duo (Andrea Mocci, sassofoni – Megumi Nakanomori, pianoforte) realizzato in collaborazione con la casa discografica Odradek. Si suggella così una volta di più la collaborazione, avviata l’anno scorso, tra Suoni&Pause e Odradek, un’etichetta indipendente slegata dai meccanismi del mercato, dove gli artisti sono scelti in base al criterio della massima qualità e dell’interesse del programma proposto.

Le iniziative per celebrare i cento anni dal Genocidio degli armeni non si fermano qui: dal 6 al 15 novembre l’associazione Suoni&Pause, insieme alla società di comunicazione Ojos design, ospiterà la mostra di arti grafiche multimediale La Marche dans le désert, organizzata per ricordare, informare ma, soprattutto, far riflettere e coinvolgere emotivamente un pubblico ampio. Con quest’obiettivo partirà una chiamata aperta per coinvolgere grafici, illustratori, pubblicitari, fotografi, registi e artisti visivi e musicali. L’iniziativa (analoghe mostre si svolgeranno contemporaneamente a Milano e a Yarevan) si svolgerà sotto il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica armena in Italia e in collaborazione con: Unione Armeni d’Italia, Centro studi e documentazione della cultura armena di Venezia, la rivista 15 Levels di Yerevan.

Tutti gli spettacoli di Le Salon de Musique cominciano alle ore 20.30. Il costo dei biglietti è di 8 euro (intero) e di 6 euro (ridotto). E’ gratuito, invece, l’ingresso al concerto per la Festa della musica. Per informazioni e prenotazioni: 348 036 28 00. Sito internet: suoniepause.com. Pagina Facebook: www.facebook.com/lamarchedansledesert

Le Salon de Musique è realizzato con il contributo di: Regione autonoma della Sardegna, Comune di Cagliari, Provincia di Cagliari. In collaborazione con: Fondazione Giuseppe Siotto e Odradek records .