Le lacrime di Cagliari per Riva: camera ardente allo stadio, funerali domani a Bonaria

La città si prepara per l’ultimo saluto al suo santo laico. La Prefettura sta coordinando gli ultimi dettagli organizzativi. Il messaggio di cordoglio della società rossoblù: “Ha portato il Cagliari lassù in alto a toccare le nuvole, dove nessuno era mai riuscito ad arrivare”.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Si svolgeranno domani pomeriggio nella basilica di Nostra Signora di Bonaria i funerali di Gigi Riva. E la camera ardente sarà allestita alla Unipol Domus. Cagliari si prepara per l’ultimo saluto al suo santo laico. La Prefettura sta coordinando gli ultimi dettagli organizzativi. Sarà monsignor Giuseppe Baturi, arcivescovo di Cagliari e segretario generale della Cei, a presiedere la Messa esequiale di Gigi Riva, domani 24 gennaio alle ore 16, presso la Basilica. La città da ieri è sconvolta. La notizia della morte del bomber dello scudetto del 1970 ha gettato nello sconforto i tanti sardi che lo amavano.
tantissimi i messaggi di cordoglio. “Tanti italiani, e io tra questi, apprendono l’improvvisa notizia della morte di Gigi Riva con autentico dolore”, ha ricordato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella,”i suoi successi sportivi, il suo carattere di grande serietà, la dignità del suo comportamento in ogni circostanza gli hanno procurato l’affetto di milioni di italiani anche tra coloro che non seguivano il calcio. Esprimo ai familiari il mio cordoglio e un sentimento di sincera vicinanza”.
“Ci lascia un grande sportivo che ha segnato la storia del calcio e della nostra Nazionale. Che la terra ti sia lieve, campione”, ha commentato la premier Giorgia Meloni.
“Ha portato il Cagliari lassù in alto a toccare le nuvole, dove nessuno era mai riuscito ad arrivare”, si legge nel messaggio di cordoglio della società rossoblù, “ma ancora più di un semplice, straordinario campione di sport, è stato per la Sardegna e per i Sardi un esempio, un simbolo, una icona. L’identificazione tra Gigi e la Sardegna era totale, senza filtri. Aveva il gusto di un amore genuino e assoluto che niente potrà mai cancellare. Neppure la fine di un’esistenza. Da oggi siamo tutti più soli. Con le radici strappate. Come se ne fosse andato anche un pezzo di noi stessi. Come se ci fossimo destati da un sogno lungo, intenso, meraviglioso, dal quale non avremmo mai voluto svegliarci. Per sempre Gigi Riva, come te nessuno mai”.


In questo articolo: