Le bellezze dell’oasi di protezione faunistica di Santa Margherita e Nora illustrate in un convegno

Si è tenuto nella sala consiliare e sono stati illustrati i lavori di monitoraggio realizzati negli ultimi due anni presso il sito.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Pula vanta una delle aree più ricche di biodiversità del Sud Sardegna, dove ambiente e paesaggio si intrecciano con una storia millenaria.
In questa area, che si estende dal Rio Pula sino alle spiagge di Porto Campana, rii e ruscelli alimentano lagune e stagni costieri di elevato pregio; crescono piante rare ed esclusive, tra cui il Limonio di Isabelle e Caroline, e vivono ben 21 specie diverse di uccelli.
“Il contributo di studiosi ed esperti – spiega il Comune – è fondamentale per la gestione e la tutela di questo vero e proprio gioiello di biodiversità e natura”. 
Uno dei tasselli fondamentali è quello di concentrare tutte le informazioni disponibili in un unico database, per incrementare la consapevolezza dell’importanza delle zone umide nelle isole del Mediterraneo e di contribuire alla protezione, alla gestione e alla conservazione efficace di questi fragili e altamente minacciati ecosistemi.
Anche per questo motivo si è discusso dell’importanza dell’educazione ambientale nella conservazione delle biodiversità.
Al convegno, tenutosi due giorni fa, erano presenti anche il sindaco Walter Cabasino e il vice sindaco della città metropolitana Roberto Mura.
L’incontro si è concluso con la presentazione del video prodotto da Anthus (regia Luca Pinna) in cui vengono mostrate le bellezze dell’oasi.


In questo articolo: